White Rabbit | Perché White Rabbit
White Rabbit professional e-business suite
20807
page,page-id-20807,page-template,page-template-full_width-php,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.2.3,vc_responsive

PERCHE’ WHITE RABBIT

Creare White Rabbit è stata una bella sfida scientifica, tecnica e commerciale.

 

Tutto nasce dalla preparazione del mio secondo libro in via di pubblicazione, premetto che la scrittura mi impegna spesso un periodo di circa due anni perché è necessario sperimentare concretamente le varie metodiche presentate e raccogliere informazioni scientifiche per la validazione dei modellli econometrici in modo attendibile, durante questo periodo mi sono interrogato sulle modalità di integrazione tra Web1, Social, Content, il Mobile in modo sinergico.

 

La fusione dei mondi digital è secondo me infatti già una realtà.

 

Da queste riflessioni ne nasce una visione d’insieme che, come vi presenterò in futuro, pone al centro del modello il ruolo del cliente/prospect dell’azienda e classifica gli strumenti di marketing in funzione del suo ciclo di vita nell’azienda.

 

Da questa visione integrata si è subito appalesata l’asincronia fra quanto presente sul mercato dei software e quanto necessario allo sviluppo dell’impresa sul web.

 

Per questo motivo ho depositato il brevetto dei modelli insiti in White Rabbit in data 6-8-2012 (num. 008389 e 008390) per quello che si chiamava “Multisite Suite Social Editorial CMS”.

 

Molti software infatti rappresentano solo un “pezzo della storia”, faccio un esempio, gli e-commerce sono spesso una monca vetrina ma non gestiscono in modo efficace ne l’attività social né le attività commerciali, i C.r.m. tradizionali mal si adeguano spesso al mondo social, il cuore del web ossia “il content” è lasciato alla libera e destrutturata attività dei redattori, in tutto questo il SEO e l’attività di indicizzazione sono spesso un di cui dei progetti web.

 

Spesso, tra l’altro, da tecnico dell’indicizzazione, vedevo che gli strumenti attuali mal si adeguavano all’evolversi del mondo Google e quindi mi sono detto che per avere risultati migliori degli altri dovevo avere il mio personale codice.

 

Solo così sarebbe possibile superare ogni competitors.

 

Da tutte queste considerazioni ho pensato di riprogettare da zero la visione di un sistema web con caratteristiche totalmente nuove. Le successive analisi di mercato mi hanno poi confermato questa visione d’insieme.

 

Un applicativo web, content e social driven che mette al centro del business il prospect ed il cliente dell’azienda. Una visione d’insieme che abbiamo rappresentato in Search, Sell, Content, Engage ossia le quattro funzioni indispensabili per fare business on line.

 

Il nome “White Rabbit” ha anch’esso molti significati e molti segreti che lascio a voi intuire e comprendere.

 

E’ stata un rivoluzione intellettuale, quasi copernicana, che verrà secondo me capita dagli utenti solo nell’uso quotidiano. Una rivoluzione anche contabile, amministrativa, di business infatti è la prima volta che vediamo il Costo ed Il Valore di un cliente al di là di semplici rappresentazioni contabili ormai obsolete.

 

Abbiamo creato una specie di nuovo “telescopio” che ci fa vedere in chiaro ciò che non è visibile nei bilanci e nei sistemi di controllo di gestione tradizionali. E tutto questo grazie al web.

 

Certamente si tratta di un progetto molto ambizioso. Oltre tre anni di lavoro e sperimentazione sul campo, oltre 50.000 righe di codice di codice e l’adeguamento all’adrenalinico evolversi del web e dei competitors, devo dire proprio un lungo percorso..

 

Finalmente il prototipo è diventato “prodotto” fruibile per il beneficio delle aziende, un prodotto totalmente “made in italy” una sfida per ampiezza rara nel nostro bel paese.

 

Ovviamente non proponiamo “schermate” ma proponiamo strumenti di successso e di vantaggio competitivo sul web.

 

Per questo motivo non troverete mai in questo sito dati tecnici e dettagli funzionali, queste le scoprirete solo quando vedrete effettivamente il prodotto.

 

Sono sempre dell’avviso che i “segreti si acquisiscono in decenni e si trasferiscono in un secondo”, quindi, anche per la tua tutela, caro amico, teniamo riservate molte funzionalità dell’oggetto e suoi modus operanti per minimizzare le possibilità di comprensione dei competitors.

 

Solo dopo che lo avrete utilizzato capirete il potere delle informazioni e delle possibilità insite nel progetto.

 

Un caro saluto e .. Follow the White Rabbit !

 

Fabrizio Barbarossa

Ideatore e Progettista di White Rabbit

 

Per maggiori informazioni potete anche contattarmi al profilo linkedin personale:

http://it.linkedin.com/in/barbarossa